A BIRTHDAY GIRL IN VENICE

Mentre i festeggiamenti per i miei 29 anni sono terminati da ormai diversi giorni, mi ritorna in mente il pensiero di quando un anno fa, tutto stava per incominciare…

Lì per lì, non ero conscia della magia che avevo tra le mani, stavo uscendo da un periodo burrascoso della mia vita; vedevo solo una flebile luce in fondo al tunnel che ero intenta ad attraversare. Non so se tu ci sei passata, ma io incominciavo a vederla, e più mi avvicinavo e più la sentivo potente e pronta ad avvolgermi con il suo calore.

..era proprio il weekend del mio compleanno, il 31|ottobre, quando ho scoperto dove lui mi voleva portare, viaggiando comodi in treno.

Ultima fermata, Venezia!

Siamo arrivati al tramonto, per cui abbiamo potuto osservare tutto il romanticismo che questa città sull’acqua aveva da offrire.

Si sa, Venezia è una delle più famose città al mondo, che accoglie a braccia aperte tutti gli innamorati. Ha una capacità incredibile di amplificare i loro sentimenti, rendendoli nel tempo, almeno nel mio caso, una fortezza impenetrabile.

Ci siamo persi nelle minuscole vie e nelle calli della città, prima di trovare il nostro hotel. Una volta trovato, credo di aver avuto un brivido lungo tutta la schiena, durato un lunghissimo ed interminabile minuto. Penso di non aver mai soggiornato in un luogo così elegante in vita mia.

[Diverse foto le puoi trovare sul mio profilo Instagram @_dearose]

Una notte fuori. Un pranzo romantico in un ristorante con vista sul canaletto. Un’ultima passeggiata prima di partire, poi di nuovo in treno fino a casa.

LAGO DI GARDA IN MOTO | LAST SPRING GETAWAY 

Era un giorno di pioggia quando abbiamo deciso di costeggiare tutto il lago di Garda in moto. In compenso la scorsa settimana quando lo abbiamo realmente fatto, è stato uno dei weekend più caldi prima dell’estate. Battezzare la bella stagione in questo modo ci è parso un grande regalo da parte della natura.

Forse un po’ di sana incoscienza ci vuole nella vita. Noi in un solo giorno, abbiamo percorso circa 700km. L’equivalente di tutto il lago di Garga, partendo da Rimini e passando per i colli Euganei, dove ci siamo fermati il giorno prima.

Per poter veramente apprezzare qualcosa bisogna fare un semplice sacrificio: 

FERMARSI.

Stare in silenzio, aprire la mente, meditare, lasciare che sia tutto quello che ci circonda a venirci incontro. Cercare di lasciarsi irradiare dalle emozioni, contemplare tutti i nostri pensieri magari davanti ad un’alba.

Ecco, svegliarsi presto per esempio dicono faccia bene alla mente ed è proprio quello che abbiamo deciso di fare prima del viaggio. Forse perchè i più mattinieri muovono i primi passi ed è ancora tutto troppo dormiente. Non c’è movimento, quindi minor distrazioni per noi e maggiore concentrazione da canalizzare.

Fermarsi a osservare è davvero importante per curare la mente dalle cicatrici della vita. Ma soprattutto se si vuole ricordare qualcosa di importante. Fermarsi e vivere quel momento è sempre la cosa migliore.

Ho deciso di farci un breve video che spero possa farti capire l’essenza stessa di questo viaggio. Fugace, libero, emozionante.