MEMORIES OF CONERO

Era la scorsa settimana.

Io e Chris siamo riusciti ad avere una giornata libera tutta per noi. Il primo weekend dopo due mesi di fuoco appena passati, ma ci siamo accorti mentre editavo questo post, essere l’ultimo di questa estate! Il trasloco è stato finalmente ultimato i primi di settembre, ma il lavoro mi assorbe completamente e più della metà del tempo mi tiene lontana dal mio diario. Mi accorgo sempre di più ogni giorno che adoro scrivere, ma purtroppo non bastano 24h per stare dietro ad una casa e alla propria famiglia.

Entrambi, siamo amanti delle gite fuori porta, del mordi e fuggi. E mezzo migliore della nostra fedele e tanto amata Suzuki non ce n’è, una passione radicata per lui e trasmessa dal mio Vecchio, per me.

Sai il sollievo di poter sgattaiolare per le sagre più interessanti e mangerecce d’Italia o vedere piccole perle incastonate nelle zone rurali? Poter rimanere fino tardi, prima che faccia buio. Poterci godere il viaggio come lo vogliamo noi, senza traffico ne troppi sforzi. Anche quando il tempo è più fresco rispetto all’estate.

Per noi bikers non è importante la meta, ma il viaggio.

Ma la nostra avventura è iniziata come sempre da Rimini per poi arrivare a Sirolo, nelle Marche. Abbiamo camminato per lunghe spiagge di sassi, immersi nella natura quasi incontaminata dei suoi sentieri.

Qui ci siamo già stati almeno una decina di volte, lo ammetto. Ma è uno di quei posti di cui t’innamori e non puoi fare a meno. Soprattutto quando dista un’ora di distanza da dove abiti.

Una delle bellezze della riviera Adriatica, un paesino medievale e moderno, dai delicati colori pastello che si mischiano con i toni accesi di alcune case. Incastonato perfettamente tra il verde del monte Conero e l’azzurro intenso del mare.

Poco distante dal piccolo centro di Sirolo, ma sulla via principale dove si svolge la passeggiata serale, esiste l’entrata al giardino pubblico [più o meno di fianco alla sede del circolo fotografico di Sirolo-Osimo]. Al suo interno potrete addentrarvi rigorosamente a piedi in un sentiero naturale, in pieno centro del paese, dove ammirare lentamente la bellezza del mare a strapiombo.

Questo piccolo ma lungo sentiero, vi permetterà di arrivare ad una delle spiagge principali di Sirolo, Spiaggia di San Michele. Per chi come me ama il relax ma vuole stare lontano dal caos generale, questa spiaggia proprio non fa per noi, essendo dotata di ogni confort [bar, ristoranti, stabilimenti balneari e bus navette]. Ma noi volevamo solamente imbarcarci, per poi a mezzora di distanza, approdare in una delle spiagge più piccole e caratteristiche delle Marche, quella delle Due Sorelle.

Le foto rendono l’idea fino ad un certo punto. Il consiglio che ti posso dare per godere a pieno di tale meraviglia, è di non andarci durante i mesi più gettonati come luglio e agosto. Rischierai di essere completamente affollato. La spiaggia, il tuo spazio e la tua mente. Quindi se come me, ami la natura e la tranquillità, segui il mio consiglio: prenditi un weekend di giugno o di settembre e assaporati lentamente queste bellezze.

MID SUMMER THOUGHTS

Spero tu abbia passato un ferragosto immerso nel verde o che tu abbia fatto il pieno di energie. Io ritorno oggi, con la mente ancora in ferie, a parlarti un po’ di ciò che mi è accaduto in questo lasso di tempo.

Sono passati tanti giorni dall’ultima volta che ho pubblicato un post, ma sono successe talmente tante cose, e così importanti nella mia vita, che dovevo immagazzinarle al meglio per potertele raccontare.

Tempo fa scrissi una To Do List estiva, dove in uno dei punti principali, a me molto a cuore, c’era quello di trovare una casa dove poter rincominciare totalmente da zero. Mai come quest’anno ho faticato ad ottenere degli obiettivi. Però aspetta! 

Mai come quest’anno me li sono posta, con così tanta convinzione e sicurezza.


Ora che ci penso ho sempre tentato di far funzionare per inerzia i miei progetti, i rapporti con le persone. Forse con la speranza che qualcuno se ne prendesse cura al posto mio… Così facendo ho dimenticato i traguardi, li vedevo sempre di più allontanarsi fino a farmi smettere di crederci, fino a farmi smettere di provarci.

Ho sempre pensato che siamo noi stessi i creatori del nostro destino, ma quando hai la persona giusta al tuo fianco, puoi fare il giro del mondo 12 volte in un anno che nemmeno ti accorgi della fatica.

Quello che voglio dire è che:

  • Quella casa l’abbiamo trovata! Ci metto il noi, perché io e C la stavamo cercando da mesi, senza alcun risultato  positivo. Ora c’è! La stiamo toccando con mano per sistemarla e decidere come farla profumare di noi.
  • Cosa non meno importante, il lavoro che volevo. È tutto arrivato come un lampo a ciel sereno e tutto in un caldissimo pomeriggio di luglio.

Ora non potrò più dire che non mi vanno a genio i lunedì! 😀

BAR LENTO E LEGGEREZZA

È un luogo dove la spensieratezza è di casa.

Ma per quanto riguarda il cibo, non bisogna prendere alla leggera niente.

Il Bar Lento è conosciuto per la sua visione etica e ricercata. Valentina che è la proprietaria, infatti, collabora con diversi forni artigianali, che producono fantastiche torte e brioches utilizzando esclusivamente farine non raffinate, cereali e materie prime selezionate e biologiche.

Questo luogo non è per chi cerca la solita razione di cibo confezionato, precotto e pieno di conservanti. Qui incomincerai a mangiare più sano mantenendo intatto il tuo gusto.

Tutto questo nasce dal suo sogno.

Lei proviene da un passato di internship nella moda e la prima cosa che mi ha fatto capire, durante le nostre chiacchierate, è stata quanto difficile e alienante era per lei, proseguire su quella strada. Ha lavorato però nella filiera artigianale, in un’azienda di Berlino, dove la ricerca di fibre naturali era la filosofia centrale. Conosce bene quanta fatica c’è dietro alla ricerca di prodotti freschi. È una lotta costante e quotidiana!

Il mondo della moda lo conosco bene, lavorandoci da più di 10 anni. Purtroppo ha di negativo che più è grande il tuo sogno più vessazioni, oppressioni e angosce riceverai, da chi è su un gradino più alto del tuo. Per questo lei ha deciso di mollare quella vita e inseguire un sogno ancora più grande e ancora più significativo.

Il Bar Lento è un luogo di incontro, un rifugio se vuoi, nel cuore di Rimini. Qui le ricette caserecce sposano uno spirito retrò.
Mi piace pensare che potrai degustare piatti consapevoli, perchè ogni cosa che mangerai saprai da dove proviene. È stata la sua sensibilità a volerlo.

Lei ha creato tutto questo anche per ritrovare quel calore umano che tutti stiamo tendendo ad allontanare, per abbracciare uno stile di vita più asociale e introverso. Così ha costruito un posto altamente social[e] e per Instagram-addicted, te lo assicuro!

Non mi stupisce che dietro a tutto questo, ci sia una giovane donna, forte e intraprendente. Che con una semplicità disarmante, stia riuscendo a dare nel suo piccolo, così tanto alla società.

Appena ne sono venuta a conoscenza, è entrato di diritto nella lista dei miei Soul Places [letteralmente luoghi dell’anima].

Bar Lento

Via Aurelio Bertola, 52

Rimini

THINK GREEN #3: CERA UNA BOLLA

Una cosa meravigliosa, i suoi profumi…

Mi trasportarono in una frazione di secondo ad uno dei ricordi più belli della mia infanzia. A quando ridevo e urlavo mentre correvo in un prato completamente fiorito. Tentavo di non farmi prendere da mia sorella molto più grande di me e molto più veloce. Avevo 6 anni, avevo la frangia, ero irradiata dal sole e immersa tra quercie, salici e pioppi.
Non lontano c’erano dei cavalli che scorrazzavano liberi e mangiavano l’erba alta che avvolgeva le mie piccole gambe nude. Per me quella era la perfezione.

Fu una scoperta emozionante.

Quando il mio olfatto venne invaso da una miriade di profumi di campo, mi girai attorno per capire da dove provenisse quella fragranza incredibilmente buona. Ma poi conobbi una ragazza.

Lei si chiama Marika e la delicatezza con la quale mi parla mi mette subito a mio agio e mi incuriosisce. Uno stand in legno chiaro, creato artigianalmente, che già mi fa capire quanto lei sia attenta al design e all’eco-sostenibilità. L’ho trovata per caso mentre terminavo la mia sessione di scatti, durante il Matrioska Lab Store a Rimini.

Scopro che ha vissuto per diversi anni in Sardegna, dove ha imparato questo mestiere. Mi spiega cosa succede nel suo laboratorio artigianale, dove con le sue mani crea candele e saponi vegetali nel pieno rispetto della natura e degli esseri viventi che la abitano.

La sua giornata tipo avviene molto spesso con lentezza. Va all’aria aperta, raccoglie ciò che di bello il suo giardino le regala, poi lo trasforma in cere profumate. A volte come contenitori utilizza piccoli tronchi di legno oppure tazze di ceramica con illustrazioni fatte a mano e font calligrafici.

Passa dai bicchierini da cocktail alle tazzine di porcellana con disegni tipicamente inglesi. [che adoro!]

Una delle cose che mi ha maggiormente colpita è il fatto che utilizza ingredienti certificati e di origine biologica controllata. Conduce una profonda ricerca di materie prime vegetali, che rispettino la vita di tutti. Cioè non provengono da fonte animale.

Ha sempre un chè di emozionante, scrivere di storie di artigiani che riescono ad entrare dritti nel mio cuore aprendomi il loro, raccontandomi la loro esperienza di vita. E mentre lei mi parla vengo costantemente invasa da profumo di agrumi misto a frangipani che mi fa letteralmente viaggiare con la mente. Odori troppo buoni per essere veri!

Immagino che tu ti sia innamorata come me di questa piccola e delicata realtà. La giusta combo tra etica, sostenibilità e bellezza per gli occhi [e per il naso!].

Cera una bolla ha un suo sito dove troverai ogni sorta di informazione. E se vorrai acquistare queste meraviglie troverai tutto l’occorrente per la tua casa sul suo shop di Etsy. Marika ti aspetta per personalizzare la tua candela con scritte o illustrazioni e se vorrai, per realizzare i cadeau per il tuo matrimonio.

SUMMER TO DO LIST

Che caldo! Non ti accorgi nemmeno che è iniziata l’estate che ti ritrovi con 35° all’ombra, ancora con la pelle quasi trasparente. Inutile dire che a breve ci toccherà ricorrere ai ripari e toglierci quell’alone malaticcio primaverile!

Quindi, nonostante i pensieri difficilmente si trasformino in parole e le mie dita quasi si incollino alla tastiera, ti scrivo per raccontarti la mia Summer To Do List. Cioè quali obiettivi ho inserito nella mia lista, da raggiungere entro la fine di questa bella stagione:

  • Sembrerà banale, ma il mio peso forma lo sto rincorrendo da parecchi anni. Che sia per una serie di motivi esterni o perchè sono un po’ pigra, il mio grande obiettivo [o meglio ostacolo] per questa estate è togliere quei 4 agognati kg, che solamente con più autostima riuscirò ad eliminare!
  • Una casa tutta per noi. Io e C la stiamo cercando da diverso tempo e ormai stiamo perdendo le speranze..
    Credimi sulla parola, riuscire a trovare una casa qui a Rimini [non sto parlando di Milano, Parigi, ma nemmeno a Londra ho fatto così tanta fatica!] è davvero un’impresa.
    Sono molto puntigliosa in questo tipo di ricerche, ok. Non mi piacciono moltissimo gli anni 70′ e gli immobili purtroppo sono datati quasi tutti in quell’epoca, risultando fin troppo kitsch sia negli esterni, che purtroppo negli interni. Diversamente mi capitano dei bellissimi appartamenti, ricchi di tutti i comfort, a costi esorbitanti o che magari vengono affittati solamente nei periodi estivi.. Rimini è così. Speriamo di marcare a breve questo punto.
  • Riuscire a partecipare ad una cena o degustazione, al tramonto, immersa nella natura. Ne sento il bisogno. Qui a Rimini quest’estate sembra andare di moda, per cui ogni settimana c’è un evento diverso a cui poter aderire.
  • Poter far diventare lavoro la mia passione fotografica. In passato ho studiato  per imprimere nella mia mente la tecnica, ma soprattutto capire quale fosse il mio stile.
  • Non meno importante è aumentare la mia autostima. Quando si è troppo sensibili e si vive in una società dove l’apparire e coltivare il proprio orticello, sembrano essere le prime ragioni di vita per ogni essere umano, io vorrei avere più controllo su me stessa e riuscire a diventare il mio stesso punto di forza.
  • Allontanarmi da tutto ciò che conosco, solo per 7 giorni e fare con C, un instancabile viaggio in moto. <3

Chissà che non riesca a spuntare tutto quello che mi sono annotata!

E tu quali obiettivi vuoi raggiungere in questa caldissima estate?

THINK GREEN #2: ALISANNA

Poteva far diventare realtà la sua immaginazione.

Se volessi incominciare a scrivere un libro, questa sarebbe la frase di partenza da cui prenderei ispirazione. Quanto sarebbe bello poter fare una cosa del genere?

Annalisa ha questo potere: la consapevolezza di poter dare vita alla materia con le proprie mani, e l’argilla insieme al fil di ferro sono i materiali con cui è entrata di più in sintonia.

Il nonno è stato una fonte di ricchezza per lei, perchè le ha permesso di entusiasmarsi per la lavorazione al tornio e fare sua questa tecnica. E’ una storia avvincente per un romanzo. Ma è una storia vera quella di Alisanna.

La conosco da un paio di anni e dopo la prima chiacchierata, mi ha dato la prova di essere un’esperta in quello che fa e nel dispensare consigli green. Te lo dico subito: realizza oggetti troppo belli!

Da vera maestra usa colori che richiamano la delicatezza di chi ha un animo sensibile e mai scontato. Come me è innamorata delle piante e del verde e forse è anche per questo che ci siamo trovate fin da subito. Nel tempo ho avuto modo di osservare la sua crescita sia stilistica che personale, che come ogni artista degno di questo nome è in costante evoluzione.

Gioca con il fil di ferro e con l’argilla come se ricamasse a mano su un telaio. Crea piccoli oggetti d’arredo sia per giardini che per interni, rendendoli così unici con le proprie creazioni.

Con il suo inconfondibile tratto poetico e fiabesco, crea casette di ceramica o di fil di ferro che danno vita alla natura dei nostri vasi. Piccoli pesci e animali di vario genere, frutta e verdura colorata. Per piccoli angoli che fanno sognare.

Annalisa e il suo onirico mondo ti aspettano sul suo negozio online su Etsy e su A Little Market.  Troverai quello che ti piace, ma potrai anche richiedere senza problemi qualcosa di personalizzato per te, il tuo giardino o da regalare.

Chiedile un consiglio, con la sua sensibilità e delicatezza ti saprà indirizzare sull’acquisto giusto per te.